Età scolare (3-21 anni)

Diritti di educazione speciale

I distretti scolastici sono responsabili dell'educazione di un bambino con autismo di età compresa tra 3 e 21 anni, se del caso. Sono inoltre responsabili di tutti i servizi correlati di cui il bambino potrebbe aver bisogno per beneficiare della sua educazione speciale.

I diritti all'istruzione speciale nel New Jersey derivano dalla legge federale comunemente nota come IDEA (Legge sull'educazione delle persone con disabilità). Il codice amministrativo del New Jersey (NJAC) 6A:14 si basa su IDEA. Scaricare oppure richiedi una copia al tuo distretto scolastico o all'Office of Special Education Policies and Procedures (OSEPP) del Dipartimento dell'Educazione del New Jersey al numero 609.376.9060.

NJAC 6A:14 spiega i diritti dei bambini ritenuti idonei all'istruzione speciale e ai servizi correlati, nonché le politiche e le procedure che i distretti scolastici devono seguire per conformarsi alla legge. Inoltre, descrive le garanzie procedurali nel caso in cui un distretto scolastico e un genitore non siano d'accordo su una questione.

Idoneità

I bambini con autismo hanno diritto a un'istruzione pubblica appropriata gratuita (FAPE) nell'ambiente meno restrittivo (LRE). I genitori interessati possono contattare il dipartimento dei servizi speciali del distretto scolastico locale e richiedere una valutazione per determinare l'idoneità ai servizi di istruzione speciale. Può essere tenuta una riunione per determinare se una valutazione è giustificata e quali valutazioni dovrebbero essere condotte.

L'essenza di FAPE è un'educazione "appropriata". Sebbene il termine “appropriato” sia diverso per ogni bambino e sia basato sulla sua singolare situazione, le scuole devono fornire un programma educativo ambizioso e stimolante (vedi Articolo Endrew Case) agli studenti con disabilità.

Il programma educativo individualizzato (IEP)

L'IEP è un documento legale che elenca tutti i servizi che devono essere forniti al bambino che riceve un'istruzione speciale.

Il PEI deve:

  • Descrivere in dettaglio il programma di educazione speciale del bambino.

  • Descrivere come si comporta attualmente il bambino e le sue specifiche esigenze di istruzione.

  • Includere obiettivi annuali misurabili e obiettivi a breve termine o benchmark.

  • Essere ragionevolmente calcolati per consentire a un bambino di compiere progressi adeguati alla luce delle sue circostanze individuali.

I distretti scolastici devono seguire le tempistiche e le procedure di valutazione richieste dalla legge sull'istruzione speciale.

Ruolo e diritti di un genitore nel processo IEP

L'IEP è un contratto legale e vincolante tra il distretto scolastico ei genitori e viene sviluppato durante la riunione dell'IEP. Il codice amministrativo del New Jersey afferma che i genitori fanno parte del team IEP. In quanto membri del team IEP, i genitori possono fornire contributi allo sviluppo e all'attuazione dell'IEP, nonché alle decisioni di collocamento.

I distretti scolastici devono fornire ai genitori una copia di Diritti dei genitori nell'educazione speciale (PRISE), che include moduli e istruzioni sulla richiesta di indagini sui reclami, mediazione, udienze del giusto processo e soccorsi di emergenza. Questo opuscolo deve essere fornito dal distretto scolastico una volta all'anno, ad esempio quando un bambino viene inviato per una valutazione iniziale, quando viene condotta una rivalutazione e quando viene presentata una richiesta per un'udienza del giusto processo al Dipartimento dell'Istruzione. In altri casi, il distretto scolastico deve fornire ai genitori una dichiarazione in cui spieghi che i genitori hanno diritti ai sensi della legge sull'istruzione speciale, come i genitori possono ottenere una copia di PRISE e fonti che possono contattare per assistenza.

Risoluzione delle controversie

Quando i genitori non sono d'accordo con i distretti scolastici sull'identificazione, la valutazione, la classificazione, l'inserimento scolastico o l'erogazione di un'istruzione pubblica gratuita e adeguata, hanno il diritto di richiedere un incontro IEP facilitato, una mediazione per risolvere la controversia o, se non risolto, un udienza del giusto processo.

Ad agosto 2019, il Dipartimento dell'Istruzione ha emesso guida sulle procedure riviste per lo svolgimento di riunioni di risoluzione dell'istruzione speciale. Per ulteriori informazioni su queste procedure, si prega di contattare il Ufficio per la politica dell'istruzione speciale e la risoluzione delle controversie a 609.376.9060.

Cronologia dell'istruzione speciale

Alla diagnosi o a 2 anni e mezzo:

Contatta per iscritto il Child Study Team (CST) nel tuo distretto scolastico locale per inviare tuo figlio all'idoneità ai servizi di istruzione speciale.

Età 3 o previa determinazione dell'idoneità:

Sviluppa l'IEP (Programma educativo individualizzato) di tuo figlio e determina un posizionamento educativo appropriato.

Età 5 e ogni 3 anni:

Rivalutazione: contatta il tuo case manager CST per parlare di eventuali valutazioni che devono essere completate e per modificare la classificazione di disabilità di tuo figlio (all'età di 5 anni).

14-16 anni:

Nell'anno in cui un bambino compie 14 anni, il team IEP dovrebbe iniziare a discutere i piani di transizione. Per ulteriori informazioni, vedere Pianificazione della transizione.

Ogni anno:

L'IEP sarà riesaminato e verrà sviluppato un nuovo IEP. I genitori hanno l'opportunità di fornire un contributo significativo al nuovo IEP fornendo informazioni da includere nella sezione "Preoccupazioni dei genitori" del Present Levels of Academic Achievement and Functional Performance (PLAAFP). Inoltre, i genitori possono anche contribuire allo sviluppo di obiettivi e obiettivi progettati per affrontare le aree di interesse presentate nel PLAAFP.