Viaggi in aereo e autismo

Giugno 08, 2022

Recentemente nelle notizie, abbiamo appreso di una famiglia del New Jersey che è rimasta bloccata dopo una vacanza di una settimana ad Aruba quando il loro figlio adolescente con autismo non è stato in grado di tornare a casa a causa di problemi comportamentali.

Come raccontato dal Asbury Park Press, "(Jamie) Greene, i suoi tre figli e il suo ragazzo sono volati ad Aruba il 10 maggio. Sebbene (suo figlio) Elijah fosse volato in Florida nel 2016 e avesse gestito il volo per Aruba senza problemi, si è opposto all'imbarco sul volo di ritorno 17 maggio.

Greene ha detto che il personale del volo della United Airlines è stato il più accomodante possibile, ma Elijah si è rifiutato di sedersi al suo posto per il decollo. Dovevano scendere dall'aereo e lui non sarebbe salito su un volo diverso".

Per fortuna e con l'aiuto della comunità dell'autismo in tutto il paese, è stata trovata una soluzione e Jamie ed Elijah sono stati in grado di tornare a casa negli Stati Uniti tramite nave da crociera e auto.

I viaggi in aereo – o qualsiasi tipo di viaggio, se è per questo – possono essere una sfida per le persone con autismo.

Questo non vuol dire che sia impossibile. Con la stagione delle vacanze estive alle porte, offriamo le seguenti risorse e suggerimenti per aiutare a prepararsi per il viaggio aereo. Come sanno fin troppo bene la famiglia Greene e molte famiglie di persone care con autismo, viaggiare può essere stressante e imprevedibile per tutti.

aeroporti

Sempre più aeroporti offrono alloggi per persone con autismo. Controllare in anticipo il sito web dell'aeroporto. L'Autorità Portuale di New York/NJ (Newark, LaGuardia e JFK) partecipa al programma Hidden Disabilities Sunflower, offrendo cordini di girasole come modo discreto per comunicare con il personale dell'aeroporto su una disabilità nascosta. Alcuni aeroporti offrono spazi tranquilli per chi ha problemi sensoriali.

TSA si prende cura

TSA offre assistenza ai checkpoint di screening tramite il suo programma TSA Cares. Iscriviti in anticipo usando questo modulo web almeno 72 ore prima del volo di linea.

Compagnie Aeree

Prima del viaggio, connettiti direttamente con la tua compagnia aerea per eventuali sistemazioni speciali di cui potresti aver bisogno prima del decollo o in volo. Una delle sistemazioni più comuni offerte dalle compagnie aeree è il pre-imbarco per le persone con autismo, consentendo loro di salire a bordo in un'atmosfera più controllata e dando alla famiglia l'opportunità di sistemarsi mentre l'aereo è più vuoto. Ecco alcuni link diretti ai vettori più popolari.

americanoDeltaJet BlueSud-ovestUnito

Le sistemazioni delle compagnie aeree non sostituiranno mai le misure essenziali di sicurezza e protezione richieste al gate e all'equipaggio di volo, ma stabilire un collegamento diretto con il personale della compagnia aerea per spiegare le tue esigenze particolari può fare la differenza.

Fai pratica e preparati

Prima della pandemia, gli aeroporti e le sezioni locali delle organizzazioni nazionali per la disabilità offrivano eventi che aprivano aeroporti e aerei per tour per aiutare a familiarizzare le persone con autismo al processo di viaggio aereo. La disponibilità di questi programmi in quest'area può variare.

Wings for Autism/Wings for All il programma, sponsorizzato da The Arc degli Stati Uniti, è stato sospeso dalla pandemia ma potrebbe tornare in una data futura.

Usa Visual

In assenza di esposizione pratica, storie sociali o prima e poi a bordo potrebbe aiutare ad aiutare nell'insegnamento e nella preparazione per andare in aeroporto e volare su un aereo.

Il viaggio è possibile

Come ha dimostrato l'esperienza della famiglia Greene, un successo precedente potrebbe non essere un'indicazione di risultati futuri, soprattutto se i viaggi aerei sono rari. Molte famiglie con autismo optano invece per viaggi locali in treno e in auto, se il viaggio aereo è una sfida troppo grande. Una ricerca pubblicata dal sondaggio indica che le famiglie con bambini con autismo vanno in vacanza meno rispetto alle famiglie di bambini neurotipici e che sperimentano una serie di sfide e fattori di stress nella partecipazione al turismo.

Si spera che, con una maggiore consapevolezza da parte di aeroporti e compagnie aeree che cercano di soddisfare bisogni speciali e preparativi da parte delle famiglie, i cieli saranno spalancati a tutti i viaggiatori, rendendo storie come quella di Elijah una rara eccezione.


La vita imita l'arte

In effetti, sebbene sia una drammatizzazione, gli appassionati di cinema potrebbero ricordare che questo esatto problema era un punto chiave della trama del film, Rainman, una rinomata rappresentazione dell'autismo sullo schermo.


Sperimenta il nostro potere di connessione

Per ulteriori informazioni sulle sistemazioni di viaggio o per assistenza con l'accesso alle risorse, contattare Autism New Jersey a 800.4.AUTISM o e-mail info@autismo.org.